Indirizzo Chimica Materiali e Biotecnologie art. BIOTECNOLOGIE SANITARIE

Nuovo corso e nuova opportunita’ ( due soli in tutta la Regione Lazio) per l’Indirizzo Chimica, Materiali e Biotecnologie assegnato dal MIUR come naturale confluenza del vecchio Liceo Biologico.

Il diplomato in Chimica, Materiali e Biotecnologie ha competenze nei seguenti settori di studio:

– tematiche fondamentali della qualita’ della vita e dell’ambiente
– prodotti alimentari, farmaceutici, materie plastiche, metalli e leghe, derivati del petrolio, materiali da costruzione
– nuovi materiali: nanocomposti
– tecniche di monitoraggio ambientale e della produzione
– gestione della qualita’ della filiera e del controllo dei processi;
– manutenzione di impianti chimici, tecnologici e biotecnologici
– strumenti e tecnologie ( analitiche e di produzione ) avanzate e informatizzate, nel rispetto della sicurezza

COSA SONO LE BIOTECNOLOGIE SANITARIE?

il corso di Biotecnologie Sanitarie integra competenze specifiche nel campo dei  materiali,  delle  analisi  strumentali  chimico-biologiche,  negli  ambiti  chimico,  merceologico,  biologico,  farmaceutico e nel settore della prevenzione e della gestione di situazioni a  rischio ambientale e  sanitario.

Le “Biotecnologie sanitarie” approfondiscono competenze relative alle metodiche per la caratterizzazione  dei  sistemi  biochimici,  biologici,  microbiologici  e  anatomici  e  all’uso  delle principali tecnologie sanitarie nel campo biomedicale, farmaceutico e alimentare.

QUADRO ORARIO

PROFILO PROFESSIONALE

Il diplomato in Chimica, Materiali e Biotecnologie:

  • studia i processi chimici e la loro ottimizzazione
  • studia e si dimensiona gli impianti chimici
  • affronta le problematiche ambientali e le possibili soluzioni
  • affronta le problematiche di recupero energetico
  • analizza i campioni incogniti
  • determina le sostanze inquinanti
  • sintetizza molecole organiche ( farmaci, coloranti, fibre sintetiche….

In particolare si occupa di:

  • Ambiente: analisi acque potabili, civili, fluviali; analisi dell’aria e monitoraggio ambientale con centraline
  • Sanitario: indagini statistiche sull’incidenza stagionale di alcune patologie
  • Alimentazione: determinazione del contenuto di principi attivi negli alimenti, analisi degli integratori alimentari e dei conservanti
  • Sicurezza: corsi sulle norme di sicurezza, approfondimenti normativi su tematiche ambientali e sanitarie; PM10 e diossine; rifiuti

SBOCCHI PROFESSIONALI

  • Tecnico  di analisi nei laboratori pubblici (aziende sanitarie, arpa) e privati.
  • Analista  nel settore industriale
  • Addetto alla  produzione  e controllo nell’industria del settore Biologico/Sanitario
  • Tecnico di attrezzature Biomediche Prodotti chimici e dispositivi di  sicurezza
  • Tecnico della sicurezza dell’attività di laboratori
  • Libero professionista in consulenze per Attività industriali, artigianali e Commerciali

OPPURE

Prosecuzione degli studi in  tutte le facoltà universitarie, ma particolarmente indicato per il superamento del test d’ingresso alle facoltà  dell’area sanitaria

  • Medicina
  • Veterinaria
  • Farmacia
  • Biotecnologia
  • Biologia
  • Scienze Infermieristiche
  • Fisioterapia
  • Tecnico Radiologo
  • Tecnico di Laboratorio
  • Ostetricia
  • Tecnico della prevenzione
  • Dietistica
  •  … ed altro.